martedì 8 maggio 2012

Prima volta da sweet, II parte



Ci eravamo lasciati così...

I giorni successivi furono decisamente imbarazzanti per me, il fatto di avergli confessato il mio più grande segreto, di averlo fatto entrare nel mio mondo mi creava emozioni forti: imbarazzo si, ma anche tanto desiderio.
La mia reazione fu però strana, tendevo non so perché a schivarlo, quasi avessi paura di realizzare il sogno mio e del mio cornuto.
Saluti veloci, mi sedevo sempre distante, allontanavo lo sguardo.
Non so cosa mi succedeva, del resto però noi donne siamo così..incomprensibili spesso anche a noi stesse.
Finché....
Finché una sera eravamo ad uno spettacolo dell'animazione, lui e la moglie arrivano più tardi erano visibilmente nervosi, avevano litigato.
Verso le 23,30 lei si alza di scatto, si avvicina a noi e ci augura buona serata"Ho mal di testa, vado a dormire" ci dice.
Il mio cuore iniziò a battere all'impazzata ma allontanavo da me il pensiero che quella sera poteva accadere.
Presa dall'eccitazione e dall'ansia decisi di andare in bagno, mi avviai per il viottolo del campeggio, ero sola, quando iniziai a sentire dei passi che mi seguivano. Mi girai di scatto, era lui.
Eravamo io e lui, soli.
Si avvicinò, mi prese la mano e mi accompagnò con delicatezza in bagno.
"Tuo marito sa che sono qui" mi disse.
Ero eccitatissima, come un'adolescente alle prime cotte, volevo iniziare quest'avventura, volevo entrare nel mondo cuckold con lui. 
Amavo e amo mio marito e per questo voglio che si senta il mio dolce cornuto.
Nel bagno abbandonò la dolcezza.
Iniziò a baciarmi il collo, la bocca, sentivo la sua lingua scendere nella mia gola.
Si spingeva contro di me, il suo cazzo già duro premeva su di me.
Mi alza la gonna, sposta il perizoma e inizia a toccarmi. Io sono un fiume...
Si allontana, fa per mettere il preservativo quando io lo fermo" Prendo la pillola" gli dico..
Così in piedi, uno davanti all'altro, alza la mia gamba sul wc e infila il suo cazzo tra le mie gambe.
Lo sento dentro, duro, grande.
Mi penetra con vigore.

Sto tradendo mio marito e lui forse lo sa, volevo che il mio cornuto fosse stato lì.

Inizia a mugolare, spinge il suo cazzo sempre più dentro fino a che sento in un orgasmo il caldo sperma invadermi la figa...è stato splendido.
Ci ricomponiamo, esco dal bagno e lì, appoggiato ai lavandini, mi ritrovo mio marito, il mio più grande amore.
Lo guardo con imbarazzo, il nostro amico gli da' un'affettuosa pacca sulla spalla.
Lo abbraccio, lui inizia a baciarmi, mi spinge in bagno.

Mi abbasso ed inizio a succhiargli il cazzo."Mi hai fatto felice" mi dice, prima che il suo sperma invada la mia bocca.

Nessun commento:

Posta un commento